Salta al contenuto principale
Amministrazione
Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali
Acronimo:
MiPAAF
Regione:
Lazio
Provincia:
RM
Comune:
Roma
CAP:
00187
Indirizzo:
Via XX Settembre, 20
Codice Amministrazione:
m_paf
Tipologia Amministrazione:
Pubbliche Amministrazioni
Categoria:
Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministeri e Avvocatura dello Stato
Numero dipendenti dell’Amministrazione:
Oltre i 500
Piano Triennale di Azioni Positive

Sezione 1 - Dati del Personale

1.1 Personale per genere
Ripartizione del personale per genere ed età nei livelli di inquadramento
Uomini Donne
Tipologia di personale Inquadramento < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60
Dirigente di livello generale CAPO DIPARTIMENTO 0 0 0 2 1 0 0 0 0 0
Dirigente di livello generale Direttore Generale 0 0 0 7 2 0 0 0 0 1
Dirigente di livello non generale Dirigente II Fascia T.I. 0 1 0 18 14 0 0 5 11 4
Dirigente di livello non generale Dirigente art. 19 commi 5 bis e 6 del D.lgs. 165 del 2001 0 0 2 0 1 0 0 1 0 0
Personale non dirigente Prima area/F2 AUSILIARIO 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0
Personale non dirigente Prima area/F3 AUSILIARIO 0 1 2 1 1 0 0 3 1 0
Personale non dirigente Seconda area/F2 ADDETTO AMMINISTRATIVO 0 0 0 7 2 0 0 1 8 0
Personale non dirigente Seconda Area F2/ASSISTENTE AGRARIO 0 1 2 0 0 0 0 1 0 0
Personale non dirigente Seconda Area F2/ADDETTO TECNICO 0 0 2 1 0 0 0 0 0 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F2/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO 0 1 3 3 1 0 0 3 3 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F3/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO 0 3 9 10 7 0 2 3 17 9
Personale non dirigente SECONDA AREA F3/ ADDETTO AMMINISTRATIVO 0 0 1 5 6 0 0 0 9 8
Personale non dirigente SECONDA AREA F3/ ADDETTO DI LABORATORIO 0 0 0 1 0 0 0 1 1 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F3/ ADDETTO TECNICO 0 0 0 2 3 0 0 0 0 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F3/ ASSISTENTE AGRARIO 0 2 6 2 0 0 1 1 0 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F3/ ASSISTENTE DI LABORATORIO 0 1 2 0 0 0 1 1 0 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE TECNICO 0 0 0 2 1 0 0 0 0 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO 0 0 5 21 16 0 2 9 29 14
Personale non dirigente SECONDA AREA F4/ ADDETTO AMMINISTRATIVO 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AGRARIO 0 2 25 15 2 0 1 5 4 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE DI LABORATORIO 0 0 8 1 1 0 1 4 3 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE TECNICO 0 0 1 1 1 0 0 0 0 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AGRARIO 0 2 30 28 5 0 0 9 8 0
Personale non dirigente SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO 0 0 1 22 20 0 1 4 31 20
Personale non dirigente SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE DI LABORATORIO 0 0 6 5 2 0 0 3 0 1
Personale non dirigente SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE TECNICO 0 0 0 1 1 0 0 0 0 0
Personale non dirigente SECONDA ARIA F6/ ASSISTENTE AGRARIO 0 0 1 0 0 0 0 1 8 3
Personale non dirigente SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO 0 0 0 25 12 0 0 3 20 14
Personale non dirigente SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE DI LABORATORIO 0 0 0 1 1 0 0 0 1 0
Personale non dirigente TERZA AREA F1/ FUNZIONARIO AGRARIO 0 0 6 1 0 0 1 0 0 0
Personale non dirigente TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AGRARIO 0 0 13 9 1 0 0 2 3 0
Personale non dirigente TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AGRARIO 0 2 6 17 1 0 1 6 1 0
Personale non dirigente TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AGRARIO 0 0 18 34 13 0 1 5 8 2
Personale non dirigente TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AGRARIO 0 0 13 32 22 0 0 4 15 10
Personale non dirigente TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AGRARIO 0 0 0 6 16 0 0 0 2 4
Personale non dirigente TERZA AREA F7/ FUNZIONARIO AGRARIO 0 0 0 4 18 0 0 0 1 2
Personale non dirigente TERZA AREA F1/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO 0 1 4 2 0 0 0 10 6 1
Personale non dirigente TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO 0 1 4 11 2 0 1 6 25 8
Personale non dirigente TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO 0 0 3 8 1 0 0 6 6 1
Personale non dirigente TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO 0 0 3 9 4 0 0 6 34 11
Personale non dirigente TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AMMNISTRATIVO 0 0 1 5 11 0 0 1 21 13
Personale non dirigente TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO 0 0 0 6 7 0 0 0 4 4
Personale non dirigente TERZA AREA F7/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO 0 0 0 1 4 0 0 0 4 5
Personale non dirigente TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO 0 0 0 1 1 0 0 1 1 0
Personale non dirigente TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO 0 0 1 1 1 0 0 0 2 1
Personale non dirigente TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO 0 0 0 2 1 0 0 0 0 0
Personale non dirigente TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO 0 0 0 3 1 0 0 0 0 0
Personale non dirigente TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO INFORMATICO 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0
Personale non dirigente TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO INFORMATICO 0 0 1 0 0 0 0 0 0
Personale non dirigente TERZA AREA F4/ FUNZIONARI INFORMATICO 0 0 0 2 0 0 0 0 0 1
Personale non dirigente TERZA AREA F3/ ESPERTO CHIMICO 0 0 1 0 0 0 0 3 1 0
Personale non dirigente TERZA AREA F4/ ESPERTO CHIMICO 0 0 5 3 1 0 1 6 1 0
Personale non dirigente TERZA AREA F5/ ESPERTO CHIMICO 0 0 3 6 1 0 0 3 2 4
Personale non dirigente TERZA AREA F6/ ESPERTO CHIMICO 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1
Personale non dirigente TERZA AREA F7/ ESPERTO CHIMICO 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0
Totale personale 0 18 188 346 208 0 14 117 291 142
Totale % sul personale complessivo 0,00 1,36 14,20 26,13 15,71 0,00 1,06 8,84 21,98 10,73
Anzianità nei profili e livelli non dirigenziali, ripartite per età e per genere
Uomini Donne
Permanenza nel profilo e livello < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere(2) < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere (3)
Tra 5 e 10 anni 0 0 1 0 1 2 33,33 0,26 0 0 2 2 0 4 66,67 0,72
Superiore a 10 anni 0 18 185 352 208 763 58,16 99,74 0 14 115 281 139 549 41,84 99,28
Totale 0 18 186 352 209 765 0 14 117 283 139 553
Totale % 0,00 1,37 14,11 26,71 15,86 58,04 0,00 1,06 8,88 21,47 10,55 41,96
Personale non dirigenziale suddiviso per livello e titolo di studio
Uomini Donne Totale
Inquadramento Titolo di studio Valori assoluti % (1) Valori assoluti % (1) Valori assoluti % (2)
PRIMA AREA F2/ AUSILIARIO Inferiore al Diploma superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
PRIMA AREA F3/ AUSILIARIO Inferiore al Diploma superiore 3 60,00 2 40,00 5 0,39
PRIMA AREA F3/ AURILIARIO Diploma di scuola superiore 2 40,00 3 60,00 5 0,39
SECONDA AREA F2/ ADDETTO AMMINISTRATIVO Inferiore al Diploma superiore 8 72,73 3 27,27 11 0,86
SECONDA AREA F2/ ADDETTO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 1 14,29 6 85,71 7 0,55
SECONDA AREA F2/ ADDETTO TECNICO Inferiore al Diploma superiore 3 100,00 0 0,00 3 0,23
SECONDA AREA F2/ ASSISTENTE AGRARIO Inferiore al Diploma superiore 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F2/ ASSISTENTE AGRARIO Diploma di scuola superiore 2 100,00 0 0,00 2 0,16
Seconda Area F2/ASSISTENTE AGRARIO Laurea magistrale 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F2/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Inferiore al Diploma superiore 2 66,67 1 33,33 3 0,23
SECONDA AREA F2/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 4 50,00 4 50,00 8 0,63
SECONDA AREA F2/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Laurea 2 100,00 0 0,00 2 0,16
SECONDA AREA F2/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Master di I livello 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F3/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Inferiore al Diploma superiore 3 18,75 13 81,25 16 1,25
SECONDA AREA F3/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 22 59,46 15 40,54 37 2,89
SECONDA AREA F3/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Laurea 1 25,00 3 75,00 4 0,31
SECONDA AREA F3/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Master di I livello 2 100,00 0 0,00 2 0,16
SECONDA AREA F3/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Dottorato di ricerca 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F3/ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Inferiore al Diploma superiore 2 40,00 3 60,00 5 0,39
SECONDA AREA F3/ ADDETTO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 10 45,45 12 54,55 22 1,72
SECONDA AREA F3/ ADDETTO AMMINISTRATIVO Laurea 10 45,45 12 54,55 22 1,72
SECONDA AREA F3/ ADDETTO AMMINISTRATIVO Laurea 0 0,00 2 100,00 2 0,16
SECONDA AREA F3/ ADDETTO DI LABORATORIO Inferiore al Diploma superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F3/ ADDETTO DI LABORATORIO Diploma di scuola superiore 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F3/ ADDETTO DI LABORATORIO Laurea 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F3/ ADDETTO TECNICO Inferiore al Diploma superiore 4 100,00 0 0,00 4 0,31
SECONDA AREA F3/ ADDETTO TECNICO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F3/ ASSISTENTE AGRARIO Diploma di scuola superiore 7 87,50 1 12,50 8 0,63
SECONDA AREA F3/ ASSISTENTE AGRARIO Laurea 2 66,67 1 33,33 3 0,23
SECONDA AREA F3/ ASSISTENTE AGRARIO Master di I livello 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F3/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Diploma di scuola superiore 3 60,00 2 40,00 5 0,39
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Inferiore al Diploma superiore 9 60,00 6 40,00 15 1,17
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 27 42,86 36 57,14 63 4,92
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Laurea 3 23,08 10 76,92 13 1,02
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Master di I livello 3 75,00 1 25,00 4 0,31
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Dottorato di ricerca 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F4/ ADDETTO AMMINISTRATIVO Laurea 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AGRARIO Diploma di scuola superiore 33 84,62 6 15,38 39 3,05
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AGRARIO Laurea 9 69,23 4 30,77 13 1,02
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE AGRARIO Master di I livello 2 100,00 0 0,00 2 0,16
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Diploma di scuola superiore 5 50,00 5 50,00 10 0,78
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Laurea 5 62,50 3 37,50 8 0,63
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE TECNICO Inferiore al Diploma superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F4/ ASSISTENTE TECNICO Diploma di scuola superiore 2 100,00 0 0,00 2 0,16
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AGRARIO Inferiore al Diploma superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AGRARIO Diploma di scuola superiore 11 78,57 3 21,43 14 1,09
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AGRARIO Laurea 47 79,66 12 20,34 59 4,61
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AGRARIO Master di I livello 5 71,43 2 28,57 7 0,55
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AGRARIO Dottorato di ricerca 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AGRARIO Dottorato di ricerca 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Inferiore al Diploma superiore 3 75,00 1 25,00 4 0,31
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 38 45,24 46 54,76 84 6,56
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Laurea 1 10,00 9 90,00 10 0,78
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Master di I livello 1 100,00 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Inferiore al Diploma superiore 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Diploma di scuola superiore 3 100,00 0,00 3 0,23
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Laurea 10 83,33 2 16,67 12 0,94
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Dottorato di ricerca 0 0,00 1 100,00 1 0,08
SECONDA AREA F5/ ASSISTENTE TECNICO Diploma di scuola superiore 3 100,00 0 0,00 3 0,23
SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE AGRARIO Diploma di scuola superiore 11 91,67 1 8,33 12 0,94
SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE AGRARIO Laurea 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE TECNICO Diploma di scuola superiore 27 47,37 30 52,63 57 4,45
SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE AMMINISTRATIVO Laurea 10 58,82 7 41,18 17 1,33
SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE DI LABORATORIO Diploma di scuola superiore 2 66,67 1 33,33 3 0,23
SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE TECNICO Inferiore al Diploma superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
SECONDA AREA F6/ ASSISTENTE TECNICO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F1/ FUNZIONARIO AGRARIO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F1/ FUNZIONARIO AGRARIO Laurea 6 85,71 1 14,29 7 0,55
TERZA AREA F1/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 0 0,00 3 100,00 3 0,23
TERZA AREA F1/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 6 35,29 11 64,71 17 1,33
TERZA AREA F1/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Master di I livello 1 25,00 3 75,00 4 0,31
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AGRARIO Diploma di scuola superiore 4 57,14 3 42,86 7 0,55
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AGRARIO Laurea 13 92,86 1 7,14 14 1,09
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AGRARIO Master di I livello 5 83,33 1 16,67 6 0,47
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AGRARIO Dottorato di ricerca 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 6 26,09 17 73,91 23 1,80
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 7 26,92 19 73,08 26 2,03
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Master di I livello 5 55,56 4 44,44 9 0,70
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 1 33,33 2 66,67 3 0,23
TERZA AREA F2/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F3/ ESPERTO CHIMICO Laurea 0 0,00 3 100,00 3 0,23
TERZA AREA F3/ ESPERTO CHIMICO Laurea 0 0,00 3 100,00 3 0,23
TERZA AREA F3/ ESPERTO CHIMICO Dottorato di ricerca 1 100,00 0,00 1 0,08
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AGRARIO Diploma di scuola superiore 6 100,00 0 0,00 6 0,47
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AGRARIO Laurea 14 70,00 6 30,00 20 1,56
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AGRARIO Master di I livello 5 83,33 1 16,67 6 0,47
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AGRARIO Dottorato di ricerca 1 50,00 1 50,00 2 0,16
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 4 44,44 5 55,56 9 0,70
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Master di I livello 1 33,33 2 66,67 3 0,23
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 6 50,00 6 50,00 12 0,94
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Dottorato di ricerca 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO Laurea 2 50,00 2 50,00 4 0,31
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO Dottorato di ricerca 0 0,00 1 100,00 1 0,08
TERZA AREA F3/ FUNZIONARIO INFORMATICO Master di I livello 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F4/ ESPERTO CHIMICO Laurea 7 50,00 7 50,00 14 1,09
TERZA AREA F4/ ESPERTO CHIMICO Master di I livello 2 66,67 1 33,33 3 0,23
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AGRARIO Diploma di scuola superiore 21 84,00 4 16,00 25 1,95
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AGRARIO Laurea 39 78,00 11 22,00 50 3,91
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AGRARIO Master di I livello 4 80,00 1 20,00 5 0,39
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AGRARIO Dottorato di ricerca 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 9 21,95 32 78,05 41 3,20
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 4 22,22 14 77,78 18 1,41
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Master di I livello 3 42,86 4 57,14 7 0,55
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Dottorato di ricerca 0 0,00 2 100,00 2 0,16
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 2 100,00 0 0,00 2 0,16
TERZA AREA F4/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F4/ FUNZIONARI INFORMATICO Laurea 2 66,67 1 33,33 3 0,23
TERZA AREA F5/ ESPERTO CHIMICO Laurea 8 50,00 8 50,00 16 1,25
TERZA AREA F5/ ESPERTO CHIMICO Master di I livello 0 0,00 1 100,00 1 0,08
TERZA AREA F5/ ESPERTO CHIMICO Dottorato di ricerca 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AGRARIO Diploma di scuola superiore 14 77,78 4 22,22 18 1,41
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AGRARIO Laurea 45 66,18 23 33,82 68 5,31
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AGRARIO Master di I livello 6 75,00 2 25,00 8 0,63
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AGRARIO Dottorato di ricerca 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AMMNISTRATIVO Diploma di scuola superiore 8 42,11 11 57,89 19 1,48
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AMMNISTRATIVO Laurea 7 24,14 22 75,86 29 2,27
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO AMMNISTRATIVO Master di I livello 2 50,00 2 50,00 4 0,31
TERZA AREA F5/ FUNZIONARIO DI LABORATORIO Laurea 4 100,00 0 0,00 4 0,31
TERZA AREA F6/ ESPERTO CHIMICO Laurea 0 0,00 1 100,00 1 0,08
TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AGRARIO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AGRARIO Laurea 19 76,00 6 24,00 25 1,95
TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AGRARIO Master di I livello 2 100,00 0 0,00 2 0,16
TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 2 50,00 2 50,00 4 0,31
TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 10 62,50 6 37,50 16 1,25
TERZA AREA F6/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Master di I livello 1 50,00 1 50,00 2 0,16
TERZA AREA F7/ ESPERTO CHIMICO Laurea 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F7/ ESPERTO CHIMICO Diploma di scuola superiore 1 100,00 0 0,00 1 0,08
TERZA AREA F7/ FUNZIONARIO AGRARIO Laurea 18 85,71 3 14,29 21 1,64
TERZA AREA F7/ FUNZIONARIO AGRARIO Master di I livello 3 100,00 0 0,00 3 0,23
TERZA AREA F7/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Diploma di scuola superiore 0 0,00 1 100,00 1 0,08
TERZA AREA F7/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Laurea 5 41,67 7 58,33 12 0,94
TERZA AREA F7/ FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO Master di I livello 0 0,00 1 100,00 1 0,08
Totale personale 730 550 1280
Totale % sul personale complessivo 55,39 41,73 97,12

Sezione 2 - Conciliazione vita/lavoro

2.1 Flessibilità oraria, Telelavoro, lavoro agile, part-time
Ripartizione del personale per genere, età e tipo di presenza
Uomini Donne
Tipo presenza < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere (2) < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere (3)
Part Time ≤50% 0 0 2 4 3 9 60,00 1,18 0 0 1 4 1 6 40,00 1,09
Part Time >50% 0 0 3 15 2 20 25,32 2,61 0 1 18 30 10 59 74,68 10,69
Tempo Pieno 0 18 181 333 204 736 60,18 96,21 0 12 98 249 128 487 39,82 88,22
Totale 0 18 186 352 209 765 0 13 117 283 139 552
Totale % 0,00 1,37 14,12 26,73 15,87 58,09 0,00 0,99 8,88 21,49 10,55 41,91
Fruizione delle misure di conciliazione per genere ed età
Uomini Donne
Tipo misura conciliazione < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere (2) < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere (3)
Personale che fruisce di part time verticale a richiesta 0 0 5 14 4 23 43,40 79,31 0 6 18 6 0 30 56,60 46,15
Personale che fruisce di part time orizzontale a richiesta 0 0 0 5 1 6 17,14 20,69 0 1 11 13 4 29 82,86 44,62
Personale che fruisce di part time misto a richiesta 0 0 0 0 0 0 0,00 -- 0 0 2 3 1 6 100,00 9,23
0 0 0 0 0 0 0,00 -- 0 0 0 0 0 0 0,00 --
Totale 0 0 5 19 5 29 0 7 31 22 5 65
Totale % 0,00 0,00 5,32 20,21 5,32 30,85 0,00 7,45 32,98 23,40 5,32 69,15

Il  Mipaaf - sulla base della proposta formulata dal CUG nell’anno 2019, ha adottato il Regolamento interno prot. n. 2816 del 27/02/2020 per l’avvio del "lavoro agile" ed ha disciplinato in maniera specifica la sua applicazione tra le due sezioni del ruolo Ministero, prevedendo (art. 3 del Regolamento) di consentire ad almeno il 10 per cento dei dipendenti in servizio, compresi i dirigenti, di poterne usufruire, su richiesta, garantendo pari opportunità e non discriminazione nell'accesso a tale modalità lavorativa. Il regolamento è stato attuato attraverso due circolari distinte per i due ruoli Agricoltura e ICQRF). L’improvvisa diffusione del COVID-19 ha cambiato completamente e in modo repentino lo scenario di riferimento.

A seguito dei provvedimenti governativi relativi al lavoro agile emergenziale, l’Amministrazione ha provveduto ad estendere le scadenze del lavoro agile mediante apposite Circolari interne. Con l’avvio della c.d. “fase 2” relativa alla progressiva riattivazione delle attività produttive in conseguenza dell’emergenza da Covid-19, previo confronto con le OO.SS., in data 25 maggio 2020 l’Amministrazione ha proceduto all’adozione del “Protocollo di accordo per la prevenzione e la sicurezza dei dipendenti nella sede centrale del MIPAAF in ordine all’emergenza sanitaria da “Covid-19”, corredato dal Piano di sorveglianza sanitaria; gli articoli 2 e 3 sono relativi al lavoro agile e alle misure organizzative. Attualmente è ancora in atto il lavoro agile nella modalità emergenziale sulla base dei decreti del Ministro della funzione pubblica del 19 ottobre 2020 e 2 febbraio 2021 ed è in corso di predisposizione il POLA.

Con riferimento alla flessibilità oraria, trova ad oggi applicazione nell'Amministrazione la Circolare prot. n. 19099 del 30/12/2016 su orario di servizio e orario di lavoro, che garantisce la flessibilità dell’orario di lavoro in presenza di comprovate esigenze personali e familiari dei dipendenti. L'ambito di tale flessibilità oraria è stato progressivamente esteso ed implementato in correlazione all'emergenza epidemiologica da Covid-19.

2.2 Congedi parentali e permessi L. 104/1992
Fruizione dei congedi parentali e permessi l.104/1992 per genere
Uomini Donne Totale
Tipo permesso Valori assoluti % (1) Valori assoluti % (1) Valori assoluti % (2)
Numero permessi giornalieri per congedi parentali fruiti 273 40,75 397 59,25 670 0,29
Numero permessi orari per congedi parentali fruiti 372 43,06 492 56,94 864 0,37
Numero permessi giornalieri L.104/1992 fruiti 3716 45,08 4528 54,92 8244 3,53
Numero permessi orari L.104/1992 (n.ore) fruiti 126690 56,60 97147 43,40 223837 95,81
Totale permessi 131051 56,10 102564 43,90 233615

Sezione 3 - Parità/Pari opportunià

3. a) Piano Triennale Azioni Positive
2.1 Descrizione delle iniziative di promozione, sensibilizzazione e diffusione della cultura della pari opportunità, valorizzazione delle differenze e sulla conciliazione vita lavoro previste dal Piano Triennale di Azioni Positive nell’anno precedente
L’Amministrazione ha provveduto a redigere il Bilancio di genere?:
Descrivere ogni iniziativa realizzata nell’anno precedente dall’Amministrazione indicando se prevista nel Piano Triennale di Azioni positive o ulteriore ad esso

In via preliminare è da premettere che il 2020 è stato un anno del tutto particolare, caratterizzato da un evento pandemico di carattere mondiale  che ha fortemente condizionato la vita sociale e  favorito l'adozione, nel mondo del lavoro, di modelli organizzativi che precedentemente erano adottati in modo sperimentale.

Nell'ambito degli obiettivi del Piano delle azioni positive, l'operato dell'amministrazione si è principalmente rivolto alle politiche  di Conciliazione tra tempi di lavoro professionale ed esigenze di vita privata e familiare, con particolare riferimento alle sottoindicate misure:

Lavoro agile: Il Mipaaf ha adottato, su proposta del CUG del 2019, il Regolamento interno prot. n. 2816 del 27/02/2020 per l’avvio del "lavoro agile" in attuazione dell'art. 14 della legge n. 124 del 2015 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri, adottata dal Ministro delegato, il 1° giugno 2017, nonché a tutte le disposizioni normative e contrattuali in materia di lavoro agile, di lavoro flessibile e per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. A tale scopo, ha stabilito (art. 3 del Regolamento) di consentire ad almeno il 10 per cento dei dipendenti in servizio, compresi i dirigenti, di poterne usufruire, su richiesta, garantendo pari opportunità e non discriminazione nell'accesso a tale modalità lavorativa. In tale sede sono stati previsti i criteri di priorità per la fruizione delle relative misure, fermo restando quanto previsto dalle specifiche disposizioni di legge e compatibilmente con l'organizzazione degli uffici e del lavoro, a favore di coloro che si trovano in situazioni di svantaggio personale, sociale e familiare e dei/delle dipendenti impegnati/e in attività di volontariato, anche nell’ottica del miglioramento del benessere organizzativo e di aumento dell’efficienza. Il Regolamento è stato attuato attraverso  circolari distinte tra le due sezioni in cui si articola il ruolo del personale. L’improvvisa diffusione del COVID-19 ha cambiato completamente e in modo repentino lo scenario di riferimento: il lavoro agile, attraverso il suo potenziamento e valorizzazione nella modalità “emergenziale”, ha permesso alle Amministrazioni di fronteggiare efficacemente l’emergenza sanitaria   assicurando la continuità dell’azione amministrativa attraverso l’incentivazione del lavoro “da remoto”, nel rispetto della tutela della salute del lavoratore. Alla fine del 2020 il lavoro agile emergenziale risultava esteso ad oltre il 90% dei dipendenti.

Flessibilità orario di lavoro e altre misure: seppure in considerazione dei vincoli determinati dall'emergenza sanitaria, mediante il “Protocollo di accordo per la prevenzione e la sicurezza dei dipendenti nella sede centrale del MIPAAF in ordine all’emergenza sanitaria da “Covid-19” adottato previo confronto con le OO.SS. il 25 maggio 2020, sono state previste specifiche misure organizzative dedicate (artt. 2 e 3).

Formazione del personale: La situazione di emergenza epidemiologica dovuta al virus COVID-19 e le misure di contrasto e contenimento della diffusione del virus medesimo hanno comportato l’impossibilità di svolgere attività formative in presenza e di realizzare i previsti progetti di training on the job, diretti a favorire uno scambio di esperienze professionali tra i dipendenti. Tuttavia, nel corso dell’anno 2020, le attività previste nel Piano della formazione, come eventi da svolgersi in presenza, sono state prontamente convertite in attività formative in modalità a distanza.

Peraltro, considerato che dalla metà del mese di marzo 2020 gran parte del personale ha svolto la propria attività in lavoro agile, è stato predisposto e realizzato un programma di formazione a distanza, al fine di rendere più proficua l’attività di lavoro del personale e di favorire la condivisione delle competenze. Tali attività sono sempre state realizzate secondo tempi e modalità idonei a consentirne la massima partecipazione a tutto il personale.

Al fine di rendere proficuo ed efficace lo svolgimento della formazione a distanza sono stati organizzati web meeting dedicati all’utilizzo della piattaforma con cui si sarebbero realizzati i webinar.

La predisposizione di attività fruibili a distanza ha consentito di individuare degli specifici eventi formativi per il personale acquisito in mobilità dall’esterno e/o per il personale che ha cambiato stabilmente ufficio nel corso dell’anno. Inoltre, su invito dell’Amministrazione, alcuni dirigenti hanno partecipato a corsi presenti nel catalogo SNA e concernenti l’organizzazione del lavoro da remoto e la gestione delle relazioni a distanza.

Promozione delle pari opportunità nello sviluppo professionale: per quanto riguarda la composizione delle Commissione, è stata  assicurata la partecipazione nell'ambito delle Commissioni di almeno un componente di genere femminile - sia nell'ambito delle Commissione dei Concorsi pubblici che in quelli delle PEO 2020; in queste ultime in tre Commissioni su quattro vi è la prevalenza del genere femminile su quello maschile. Vi è stato solo una Commissione con un Presidente donna.  

Per quanto riguarda gli incarichi di funzione dirigenziale, si evidenzia che per quanto riguarda quelli di seconda fascia, gli incarichi conferiti ai sensi dell'articolo 19, comma 5, del d.lgs. 165/2001 dipendono dal ruolo dirigenziale: alla fine del 31/12/2020 vi sono 33 incarichi conferiti a uomini e 20 incarichi conferiti a donne. Nell'ambito degli incarichi conferiti ai sensi dell'articolo 19, commi 5 bi e 6, su 4 incarichi conferiti, 1 è stato conferito ad una donna.

Tra gli incarichi dirigenziali ex articolo 19, comma 4, del D.lgs. 165/01, su 10 incarichi conferiti al 31/12,  uno è conferito ad una donna, mentre i tre incarichi dirigenziali  ai sensi dell'articolo 19, comma 3 del d.lgs. 165/01 sono stati conferiti a uomini. 

 

Il Piano proposto dal CUG ed approvato dall'Organo politico risulta, nel contesto organizzativo in cui si inserisce, particolarmente articolato. Il Piano è articolato in cinque Obiettivi, da realizzare attraverso correlate Azioni positive, elaborate tenendo conto delle sollecitazioni ricevute dal CUG in merito alla necessità di promuovere politiche di valorizzazione e crescita del personale, anche in un'ottica di genere.

Il primo Obiettivo mira ad agevolare la conciliazione della vita lavorativa e della vita privata/familiare e prevede, quali azioni positive, le misure volta a rafforzare ed implementare il lavoro agile, come modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall'assenza di vincoli orari o spaziali che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività.

La misura a regime prevede che almeno il 30% del personale possa espletare la propria attività in modalità agile, nel quadro delle disposizioni date dai singoli uffici.

L’Obiettivo n. 2 prevede una Modulazione dell’orario di lavoro in funzione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e, a tale fine, le misure sono volte ad applicare orari di lavoro maggiormente flessibili e a facilitare l’accesso al regime del part-time ai dipendenti diversamente abili o con particolari esigenze familiari, nel quadro dell’organizzazione dei singoli uffici.

Inoltre, si intende realizzare una articolazione oraria tesa a favorire la tutela delle esigenze familiari di assistenza e cura di figli minori di anni 14, della distanza, in termini di percorrenza chilometrica, tra la residenza anagrafica dichiarata all’Amministrazione e la sede di lavoro, delle esigenze di assistenza nei confronti del coniuge, del partner di un’unione civile e del convivente di fatto, dei genitori anche se non conviventi.

L’Obiettivo n. 3 è volto alla promozione delle pari opportunità nello sviluppo professionale e mira a rimuovere quegli ostacoli che, direttamente o indirettamente, impediscono la crescita professionale dei dipendenti. Nell’ambito dell’obiettivo sono previste azioni positive volte a favorire la mobilità interna, ad introdurre, in via sperimentale, un progetto di job shadowing, ovvero un training on the job di breve durata (una settimana), nel corso del quale un collega “guest” segue un collega “host” nello svolgimento delle sue attività, per acquisire nuove conoscenze e competenze e consentirne una condivisione, nonché misure di monitoraggio preventivo sulla composizione commissioni e conferimento incarichi dei differenziali retributivi tra donne e uomini e promozione delle conseguenti azioni correttive e pubblicazione dei relativi esiti, anche in considerazione della difficoltà di reperimento ex post dei relativi esiti.

L’Obiettivo n. 4 prevede la promozione di attività di formazione ed aggiornamento quale strumenti per accrescere la cultura della parità e delle pari opportunità, da realizzare mediante specifici corsi di formazione e di aggiornamento volti a diffondere la cultura della parità e delle pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra tutto il personale dell’Amministrazione e mediante formazione specifica per lavoratrici/lavoratori al rientro dal congedo per maternità/paternità, malattia o lunghi periodi di assenza dal lavoro.

L’Obiettivo n. 5 prevede interventi volti a migliorare il benessere organizzativo e la qualità dell’ambiente di lavoro, garantendo condizioni di lavoro prive di comportamenti molesti o mobbizzanti, da realizzare mediante indagini periodiche sul benessere organizzativo,  attraverso la programmazione di corsi e seminari specifici per contrastare la violenza sul posto di lavoro e il fenomeno specifico del mobbing, e dello straining, trattati nei loro diversi profili, giuridici e psicologici e mediante l’istituzione di uno Sportello di ascolto per  offrire ai dipendenti un servizio di consulenza gratuito per la promozione della salute psicofisica individuale e come supporto per la prevenzione ed il contenimento dello stress lavorativo e del rischio psicosociale.

3. b) Fruizione per genere della formazione
Fruizione della formazione suddiviso per genere, livello ed età
Uomini Donne
Tipo formazione < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere (2) < 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 60 > 60 Totale Totale % (1) % di genere (3)
Cat. B Formazione obbligatoria/facoltativa del personale tecnico-amministrativo 0 21 985 738 519 2263 51,95 100,00 0 91 655 1028 319 2093 48,05 100,00
Totale ore 0 21 985 738 519 2263 0 91 655 1028 319 2093
Totale ore % 0,00 0,48 22,61 16,94 11,91 51,95 0,00 2,09 15,04 23,60 7,32 48,05
3. c) Bilancio di genere dell’Amministrazione?:
3. d) Composizione per genere delle commissioni di concorso
Composizione di genere delle commissioni di concorso
Uomini Donne Totale
Commissione Valori assoluti % (1) Valori assoluti % (1) Valori assoluti % (2) Presidente
Commissione 4 dirigenti II fascia ICQRF D.D.19579 dell’11 dicembre 2019 3 75,00 1 25,00 4 18,18 Uomo
Commissione 35 funzionari agrari ICQRF D.D. 16143 del 10 ottobre 2019 2 66,67 1 33,33 3 13,64 Uomo
Commissione 10 funzionari amministrativi ICQRF D.D. 9109148 del 9.9.2020 2 66,67 1 33,33 3 13,64 Uomo
Commissione PEO 2020 Mipaaf -Agr. Terza area 1 33,33 2 66,67 3 13,64 Uomo
Commissione PEO 2020 AGR AREA SECONDA 1 33,33 2 66,67 3 13,64 Donna
Commissione PEO 2020 ICQRF TERZA AREA 2 66,67 1 33,33 3 13,64 Uomo
Commissione PEO 2020 ICQRF seconda area 1 33,33 2 66,67 3 13,64 Uomo
Totale personale 12 10 22
Totale % sul personale complessivo 0,91 0,76 1,67
3. e) Differenziali retributivi uomo/donna
Divario economico, media delle retribuzioni omnicomprensive per il personale a tempo pieno, suddivise per genere nei livelli di inquadramento
Inquadramento Retribuzione netta media Uomini Retribuzione netta media Donne Divario economico Divario economico %
CAPO DIPARTIMENTO 127023,00 127023,00 -- --
Direttore Generale 107317,00 107317,00 -- --
Dirigente a tempo indeterminato 65881,00 65881,00 -- --
Dirigente a tempo determinato 65881,00 65881,00 -- --
TERZA AREA F/7 29583,00 29583,00 -- --
TERZA AREA/F6 27881,00 27881,00 -- --
TERZA AREA/F5 25552,00 25552,00 -- --
TERZA AREA F4 23605,00 23605,00 -- --
TERZA AREA/F3 21634,00 21634,00 -- --
TERZA AREA/F2 20384,00 20384,00 -- --
TERZA AREA/F1 19512,00 19512,00 -- --
Seconda area/F6 20555,00 20555,00 -- --
Seconda area/F5 18127,00 18127,00 -- --
Seconda area/F4 17504,00 17504,00 -- --
Seconda area/F3 16634,00 16634,00 -- --
Seconda area/F2 15563,00 15563,00 -- --
Prima area/F3 14670,00 14670,00 -- --
Prima area/F2 14628,00 14628,00 -- --

Nessun differenziale

Sezione 4 - Benessere personale

4.1 Nella tua amministrazione sono state effettuate indagini riguardo a: benessere organizzativo con la valutazione dello stress lavoro correlato e la valutazione dei rischi in ottica di genere?:
No
4.2 Nella sua organizzazione esistono
Circoli d’ascolto organizzativo:
No
Sportelli d’ascolto:
No
Sportelli di counselling:
No
Codici etici:
Codici di condotta:
Codici di comportamento:

 

Nell’ambito del MIPAAF il personale non dirigenziale è ripartito in due distinti ruoli Agricoltura e ICQRF ed il personale dirigenziale in due sezioni dell’unico ruolo. Tutto il personale ICQRF di area B e C è per legge Ufficiale di Polizia giudiziaria.

Il personale del MIPAAF si distingue per la presenza di un alto numero di persone nella fascia d’età tra i 61 e i 70 anni, pari a 342 unità, corrispondenti a circa il 25% di tutta l’attuale forza lavoro del Ministero, che nell’arco di 5/6 anni sarà posta in quiescenza.

Le donne, su cui gravano in misura prevalente gli impegni di cura familiare, rappresentano oggi il 42,34% del personale del MIPAAF. Tale percentuale rende evidente la necessità di promuovere politiche di organizzazione e gestione del personale al passo con il quadro di sostegno sociale ed economico in cui si muovono i dipendenti e le loro famiglie.

Nell'ambito del personale in servizio presso le sedi centrali di Roma si registra un'alta percentuale di "pendolari", con conseguenti rilevate necessità ulteriori di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

 

4.3 Qualora non presenti, possono essere qui inserite delle proposte da parte del CUG

Le proposte del CUG sono state riportate e compendiate nella proposta di Piano delle azioni positive - aggiornamento 2020, che sono state interamente recepite in sede di approvazione del Piano Triennale delle Azioni Positive, come riportato nell'apposita sezione.

4.4 Laddove rilevate, descrivere situazioni di discriminazione/mobbing e indicare gli interventi messi in campo per la loro rimozione

Il CUG ha proposto soluzione di mediazione a fronte di una situazione di dipendente che ha segnalato una situazione di disagio personale e lavorativo nei rapporti con il dirigente del suo ufficio.

Il CUG ha incontrato l'interessata e ne ha raccolto le sollecitazioni.

Sezione 5 - Performance

Analisi degli obiettivi di pari opportunità
Obiettivo:
Promozione del Benessere Organizzativo e individuale

Seconda Parte – L’azione del Comitato Unico di Garanzia

Operatività

Modalità di nomina del CUG:
decreto del Direttore Generale AGRET
Tipologia di atto:
Decreto direttoriale n. 15870
Data:
12/12/2018
Organo sottoscrittore:
Direttore Generale AGRET
Eventuale dotazione di budget annuale ai sensi dell’art. 57 del d.lgs. 165/2001:
No
Interventi realizzati a costo zero:
No
Esiste una sede fisica del cug?:
No
Esiste una sede virtuale?:
Sede virtuale :
Apposita sezione su LIFESIZE
Esiste Normativa/circolari che regolamentano i rapporti tra amministrazione e CUG:
No
Quante volte l'anno si riunisce il cug:
8
Il cug si avvale di collaborazioni esterne?:
No

Attività

Quali tra queste azioni ha promosso il cug nel corso dell’anno?
  • Analisi e programmazione di genere che considerino le esigenze delle donne e quelle degli uomini (es bilancio di genere)
  • Azioni atte a favorire condizioni di benessere lavorativo
  • Temi che rientrano nella propria competenza ai fini della contrattazione integrativa
Su quali di questi temi il Cug ha formulato pareri nel corso dell’ultimo anno?
  • Contrattazione integrativa sui temi che rientrano nelle proprie competenze
  • Orario di lavoro, forme di flessibilità lavorativa e interventi di conciliazione
  • Piani di formazione del personale
L’Amministrazione ne ha tenuto conto? :
Sì, del tutto
Nel corso dell'ultimo anno in quali di questi ambiti sono state state condotte azioni di verifica?
  • Sugli esiti delle azioni di contrasto alle violenze morali e psicologiche nei luoghi di lavoro – mobbing
  • Sullo stato di attuazione del Piano triennale di azioni positive con focus sui risultati conseguiti, sui progetti e sulle buone pratiche in materia di pari opportunità
  • Sull’assenza di ogni forma di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età nell’accesso, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, promozione negli avanzamenti di carriera e sicurezza del lavoro
Per ciascuna attività descrivere ciò che è stato realizzato

Nell’anno 2020 l CUG ha ritenuto di dovere incentrare la sua attività sulla proposta di avvio del lavoro agile che ha condotto all’adozione del Regolamento e delle Circolari attuative “a regime”. Grazie all’impulso del CUG, in concomitanza con l’insorgere dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, l’Amministrazione ha potuto agevolmente adeguare l’impianto già disegnato alle nuove esigenze di attivazione del lavoro agile emergenziale.

Considerazioni conclusive

Il CUG del MIPAAF è stato ricostituito, dopo un prolungato periodo di inattività, con Decreto Direttoriale n. 15870 del 12/12/2018. A partire dal 18.02.2019 il CUG si è regolarmente riunito al fine di espletare le attività di monitoraggio delle azioni già adottate con il Piano di Azioni Positive per il triennio 2016-2018 e di verifica degli obiettivi del predetto Piano e per l’individuazione di proposte di azioni positive per il triennio 2019 – 2021. Nel corso delle riunioni, sono state elaborate le proposte di azioni positive ai fini della formulazione del Piano per il triennio 2019-2021. In tale ambito, il CUG ha verificato la necessità di attribuire la massima priorità alla redazione della proposta di regolamento per l’avvio del “lavoro agile”. Nel corso dell’anno 2019 è stata pertanto formulata, nonostante varie problematiche emerse in seno al CUG, la proposta di regolamento di lavoro agile e la proposta di Circolare attuativa per il ruolo Agricoltura. Grazie alla proposta formulata dal CUG nell’anno 2019, l’Amministrazione ha adottato il Regolamento interno prot. n. 2816 del 27/02/2020 per l’avvio del "lavoro agile" e la Circolare attuativa interna per il ruolo Agricoltura prot. n. 2933 del 28/02/2020. Anche l’ICQRF ha provveduto all’adozione di circolare attuativa interna. Il CUG ha altresì elaborato la proposta di Piano Triennale di Azioni Positive 2019-2021 e la Proposta di Codice di comportamento per la prevenzione delle molestie sui luoghi di lavoro. Può ritenersi che le azioni intraprese siano state in grado di riproporre la centralità del Comitato quale motore per la promozione delle politiche di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e contro le discriminazioni. Nel prosieguo sarà necessaria anche un'attività mirata volta alla migliore diffusione e conoscenza,  all'interno dell'Amministrazione, dei compiti e del ruolo del CUG.